Un sogno era, uno solo

inchiostro, penna biro, acquerello
ink, ballpoint pen, watercolour

il riflesso dell’asfalto
non so neanche dove porti
ora guida il mio ricordo
susseguirsi di immagini
la tua voce
profonda
fa da colonna sonora ai miei sogni

lontana da casa
lontana dai sogni
rincorro ciò che immaginavo
non so dove sono
e non so dove sei

l’odore dell’asfalto
mi ricorda la carne bruciata nella corsa
e guida questo sogno

di quando eravamo io e te
a rifletterci, poco sobri
nell’umidità di una sera autunnale

le avvisaglie primaverili
mi dicono che quel sogno non tornerà
non mi specchierò più nelle pozzanghere del cuore

con te
mentre parlavamo del futuro
come due bambini a disegnare
sull’umidità delle macchine scure
nella nostra sguaiatezza:
l’adolescenza in una sobria notte
una di quelle come tante altre
che sfidammo vedendoci
nonostante tutto

nonostante la vita
nonostante noi
fossimo stati portati altrove
dove tu non vuoi
strinata la mia anima
crepita
il dolore si irradia
nel tempo di un respiro
soffocato e nascosto tra la gente
quando, per sbaglio
un asfalto
mi riporta da te
e al tuo sogno
che era nostro

Licenza Creative Commons
Un sogno era, uno solo diUrania è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.


Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Precedente Se declino l'invito non è perché mi stanno antipatici gli unicorni. Successivo ... Singhiozzo

Lascia un commento